ShinyStat - Statistiche Web
  Domenica 19 Novembre 2017 10:17
Articoli

VIAGGIO E VACANZA

Cosa ricordarsi di portare in viaggio e in vacanza


Articolo pubblicato il 17.03.2014 in  AREA GENITORI STRUMENTI UTILI PER LA GESTIONE QUOTIDIANA DELL’ASMA

L’asma è una malattia cronica che richiede cure regolari e continue, ma, se ben controllata, consente al bambino e alla sua famiglia di andare in viaggio e in vacanza.

ALCUNE PRECAUZIONI

- portare con sé la propria documentazione sanitaria, con la segnalazione di eventuali allergie o intolleranze ai farmaci;

- se andate all’estero è buona norma portarsi un foglio con scritto almeno in inglese ma sarebbe meglio nella lingua del luogo, alcune frasi utili in caso di emergenza come:

  • Dove si trova l’ospedale più vicino?
  • Dove si trova la farmacia?
  • Mio figlio stà avendo un attacco d’asma
  • Mio figlio è allergico a ... (polvere)  ci sono .... (tappeti) in stanza?
  • Mio figlio è allergico a .... cisono ..... nel cibo?

I nomi commerciali dei farmaci possono variare da nazione a nazione, quindi vi conviene scrivervi su un foglietto il nome del principio attivo del medicinale in inglese. 

(Il consiglio dell’informatico: Alcuni siti internet come google trasletor    bab.la  possono offrire un buon servizio di traduzione in molte lingue. Se vi trovate all’estero e non sapete cosa fare, potete usare questi servizi  per comunicare in maniera elementare con i medici del posto utilizzando uno smart phon o un pc collegato ad internet. In alternativa potete scaricare sul pc portatile o sui telefonini più evoluti dei programmi di traduzione automatica).

 

- informarsi, non appena giunti delle possibilità e dei recapiti di assistenza sanitaria nel luogo di vacanza;

- portare sempre tutti i medicinali d’ uso quotidiano e d’emergenza, conservandoli adeguatamente;

- portare il diario giornaliero e il misuratore di picco di flusso espiratorio (PEF).

Per il mezzo di trasporto:

l’automobile non presenta in genere problemi, purche on si abbia la pessima abitudine di fumarci dentro anche in assenza dei bambini, nel qual caso prima di partire sarà meglio lavare i sedile o cambiare le foderine dei sedili della macchina e pulire i filtri dell’aria condizionata accendendola con i finestrini aperti per un po’ prima di far salire i bambini in auto.

- in treno potrebbero insorgere problemi per la presenza abituale di grandi quantità di allergeni degli acari della polvere, pelo di cani e gatto, ecc.

 se vi è data la possibilità di scegliere il posto ricordatevi che:

  • I posti vicino al finestrino sono quelli in cui nella maggior parte dei treni è collocata la bocchetta dell’aria condizionata e quindi sono da preferire quelli sul corridoi,
  • Sui treni italiani è proibito fumare ma nei treni provenienti da altri paesi come la Svizzera per esempio questo divieto non sussiste quindi informatevi sul tipo di posto ed all’occorenza chiedete un posto non fumatori.
  • Se nello scompartimento del treno dove siete sono presenti degli animali a cui siete allergico (cani, gatti. ecc) chiedete al capotreno (solitamente posto in carrozza 3) di cambiarvi il posto a sedere in un altro scompartimento
  • Gli ambienti chiusi (treno, aereo), facilitano molto la trasmissione di infezioni respiratorie.

- è importante assicurarsi che gli impianti di condizionamento abbiano una adeguata manutenzione che sia proibito il fumo.

Se il ragazzo va in gita con la scuola è molto importante che gli insegnati vengano informati di questi accorgimenti, oltre che formati a
cooperare  con il bambino nella somministrazione dei farmaci, quando necessario.

 

Per la scelta dell’albergo:

  • Assicurarsi che la stanza sia stata arieggiata recentemente e che non vi sia persistenza di fumo di sigaretta
  • è opportuno scegliere una camera che non sia eccessivamente arredata con tendaggi, tappeti, tappezzerie, ecc.
  • Evitare la moquette.
  • La ventilazione deve essere adeguata.

Il bambino con asma deve condurre una vita il più possibile normale, con esercizio fisico regolare, e scegliere tranquillamente dove
andare in vacanza, evitando solo sforzi fisici eccessivi che possono portare a disidratazione complicando così la gestione della malattia.
 

Qualche precauzione andrà, tuttavia, osservata per gli eventuali allergeni dell’ambiente esterno:

  -occorre tener conto dei calendari di fioritura delle diverse zone geografiche;

  - evitare il contatto con gli animali a cui si è allergici

  - evitare il sottobosco negli allergici alle muffe, ecc.
 

Segnala a delicious Segnala a digg Segnala a diggita Segnala a facebook Segnala a Google Segnala a oknotizie Segnala a technorati Segnala a twitter Segnala a wikio Segnala a ziczac Segnala a blinklist Segnala a furl Segnala a My Yahoo Web Segnala a Microsoft Life Segnala a reddit

© Laboratorio Clinico Pedagogico e Ricerca Biomedica 2017
Via del Medolo, - 25123 Brescia, Tel. 0303849283 Fax. 0303849284 laboratorioclinicopedagogico@.hotmail.com
web credits graficaeformazione.it